Ogni dipendente che riceve il TFR in busta paga ha il diritto di scegliere dove destinarlo.

Questa scelta può portare a differenze abissali nel corso della vita, purtroppo pochi si informano e se non siamo noi a scegliere c’è qualcun altro che lo farà e non è detto che condivida i nostri interessi.

Il bivio è se lasciare il TFR in azienda o destinarlo a un Fondo Pensione, in questo articolo cerchiamo di capire le differenze per attuare una scelta consapevole, ricordandoci che siamo frutto delle nostre scelte e per questo vanno fatte in maniera informata.

Faremo una valutazione secondo le differenze principali, ovvero TASSAZIONE e RENDIMENTO, non escludo che seguirà un altro articolo con anche per altri punti.

TASSAZIONE:

TFR IN AZIENDA, a fine rapporto con l’azienda o al momento del pensionamento il nostro TFR verrà tassato con una media delle aliquote IRPEF degli ultimi 5 anni.

Ricordiamoci che le aliquote IRPEF, in base al reddito, in vigore oggi sono 23%; 25%; 35% e 43%.

Quindi la più bassa che può capitare per un reddito basso è del 23%.

TRF NEL FONDO PENSIONE, al momento del pensionamento (O in altri casi particolari) la tassazione del fondo va dal 15% al 9%. All’adesione l’aliquota è del 15% ma dal 15 anno di adesione partirà un timer per cui ogni anno si abbasserà dello 0,30% fino a portarla a un minimo del 9%.

Ci vogliono quindi 35 anni per passare dal 15% al 9%, quindi pe avere una tassazione più bassa è importante aderire quanto prima al fondo pensione.

RENDIMENTO:

TFR IN AZIENDA, chi ha il proprio TFR in azienda riceverà una rivalutazione annua (a carico dell’azienda) del 1,5% (fisso) + 75% dell’inflazione in corso.

Facciamo un esempio, se l’inflazione è del 1% il tasso di rivalutazione sarà pari a 1,5% (sempre fisso) + il 75% dell’1% (inflazione), quindi 1,5%+0,75% =2,25%.

2,25% sarà il mio rendimento in quell’anno.

TRF NEL FONDO PENSIONE, quando aderiamo a un fondo pensione avremmo la possibilità di scegliere tra varie linee (GARANTITO, OBBLIGAZIONARIO, BILANCIATO E AZIONARIO), in base alla scelta potremmo ottenere risultati diversi. Il nome più attraente è sicuramente GARANTITO, tuttavia non ci dobbiamo far prendere dalla retorica e dobbiamo andare oltre alla copertina.

Tutte e 4 le linee sono “sicure”, la valutazione che dobbiamo fare è statistica e va in base alla nostra età, a questo serve un esperto.

Qui c’è la scelta più importante da fare e che avrebbe portato a migliaia di Euro di differenza.

Come vedi dalla tabella qui sotto il rendimento medio annuo degli ultimi 10 anni per la RIVALUTAZIONE TFR è stata del 2%, mentre quella AZIONARIA del 6,1%.

Ipotizzando un TFR mensile di 150€ la differenza tra lasciarlo in azienda o nel fondo pensione azionario, grazie ai rendimenti diversi, sarebbe stata di 80.000€.

Per questo fare scelte informate è importante, a meno che 80.000€, per una sola scelta, non vi pesino.

Allora perché non tutti fanno il fondo pensione azionario?

Perché non tutti si informano, come stai facendo tu leggendo questo articolo, altri invece si fermano all’apparenza e altri ancora lasciano che qualcuno prenda decisioni al loro posto che, come abbiamo visto, non è detto che condivida i tuoi interessi.

Per entrambi non è possibile avere una stima futura esatta in quanto l’inflazione e i rendimenti finanziari sono variabili non prevedibili, per questo possiamo farci un’idea dal passato e fare valutazioni con buon grado di sicurezza.

COME ADERIRE:

L’adesione può essere TACITA o ESPLICITA.

Si hanno 6 mesi per capire cosa fare, se lasciare il TFR in azienda o destinarlo al FONDO PENSIONE.

DECISIONE TACITA, se non mi esprimo, dopo 6 mesi, il mio TFR verrà destinato al FONDO PENSIONE negoziale di appartenenza.

DECISIONE ESPLICITA, compilando il modulo TFR2 e consegnandolo potrò decidere se lasciare il TFR in azienda o nel fondo pensione.

Quello che ho visto, nel corso della mia esperienza, è che molti dipendenti hanno il TFR in azienda senza nemmeno saperlo, questo significa che hanno compilato la documentazione senza saperlo o non si ricordano la scelta fatta.

Ora potrai avere alcune informazioni in più per fare scelte più consapevoli.

Se vuoi ricevere una consulenza GRATUITA per capire come costruire il tuo portafoglio o per esaminare quello attuale senza impegno, allora compila il form qui sotto.